• servizi.jpg
    http://www.iccdigitalmedia.com/images/roll-second/servizi/servizi.jpg
Lunedì, 14 Gennaio 2013 23:21

I gironi dell'Inferno nel Web Marketing

Esistono nove errori nel Web Marketing che non vanno assolutamente commessi.

Capita di sbagliare, ma a volte gli errori dei marketers sono talmente gravi, talmente blasfemi da meritare di fare parte di uno dei nove gironi dell’inferno.
I nove gironi dell'Inferno del Social Media Marketing

Hubspot, società americana specializzata nello sviluppo di software per il marketing, ha riunito questi peccati mortali del web marketing in una divertente quanto infuocata infografica.

Nello specifico, per quanto riguarda la Social Media Strategy, finisce dritto nel III girone coloro i quali non si impegnano nel monitoraggio dei social media. La punizione per tutti i malcapitati: rispondere personalmente ad ogni reclamo di clienti arrabbiati che passa attraverso i social media, per ogni brand in tutto il mondo.

Ma andiamo per ordine.

I Girone

Peccato: Creare brutti contenuti (testi lunghissimi, assenza d’immagine, cattiva formattazione, etc.)

Punizione: avere solo due colori, il marrone ed il grigio, per giocare a Draw Something (il gioco social del disegno) e dover giocare obbligatoriamente per tutta l’eternità con gli effetti sonori attivati.

II Girone

Peccato: Essere noioso (contenuti irrilevanti e poco originali che fanno dormire)

Punizione: Pulire l’intera rete internet. Leggere ogni singola parola di ogni singola pagina che è pubblicata, e filtrare tutti i contenuti di bassa qualità.

III Girone

Peccato: Non monitorare i Social Media (la gente usa i social per comunicare col brand, non bisogna ignorarli)

Punizione: rispondere personalmente ad ogni reclamo dei clienti arrabbiati che passa attraverso i social media, per ogni marca in tutto il mondo.

IV Girone

Peccato: Automatismi sbagliati (pensiamo a 3 notifiche inviate in 3 secondi, stiamo parlando di questo!)

Punizione: ogni volta che un messaggio viene automaticamente inviato al destinatario sbagliato via e-mail, social o mobile, “Mambo No. 5″ di Lou Bega suona mentre qualcuno vi colpisce nell’orecchio.

V Girone

Peccato: Sbagliare nella segmentazione dei Target (es.: spedire una e-mail che pubblicizza mangiare per gatti a proprietari di cani)

Punizione: ascoltare una sequenza senza fine di brutte jingle promozionali di prodotti e servizi che non vi servono.

VI Girone

Peccato: Inviare messaggi fuorvianti (non si deve ingannare la gente a fare clic su post, e-mail, call-to-action, o qualsiasi altra cosa con promettendo qualcosa che poi non si mantiene).
Punzione: Se gettate l’esca per attirare le persone,vi toccherà trascorrere l’eternità nuotando in un mucchio di esche in putrefazione.

VII Girone 

Peccato: Violare il copyright (copiare e incollare il contenuto di qualcun altro, senza permesso, e senza riconoscere i crediti non va solo contro il galateo di internet, ma si incorre ad essere penalizzati nella SERP).
Punizione: Tutti i cattivi contenuti filtrati dal secondo girone arriveranno a voi, e sarete costretti a ricopiare parola per parola su una lavagna, con le unghie al posto del gesso.

VIII Girone

Peccato: Email Spamming (le caselle di posta elettronica sono sacre. E l’e-mail spamming è illegale)

Punizione: Voi dovrete letteralmente mangiare e dormire spazzatura. L’unico cibo che dovrete mangiare sarà Spam in scatola, e il vostro letto sarà composto da un morbido materasso, coperta e cuscino fatti di spazzatura.

IX Girone

Peccato: Fare attività di Interruption Marketing (ci sono molte cose che potete fare per infastidire il pubblico, i contatti, e anche i vostri compagni di marketing, ma non c’è niente di più fastidioso di interrompere la giornata di qualcuno per vendere loro qualcosa che probabilmente non si desidera)
Punizione: Sarete costretti a vivere un’eternità nella quale qualcuno, cui, in qualsiasi momento e senza preavviso, verrà fuori e vi darà uno schiaffo in faccia. Vivrete nella paura costante di schiaffi imminenti e inevitabili.